Facebook, Twitter e Google modificano le condizioni di servizio

social network condizioni del servizio

Cambiano le condizioni di servizio per Google Analytics, Facebook e Twitter. Ecco di cosa si tratta.
Il Web è in continuo cambiamento e può capitare che qualcosa sfugga alla vista, soprattutto quando si tratta di aggiornamenti che non prevedono l’intervento manuale sui social network o sul proprio sito. Cosa sta succedendo a Twitter, Facebook e Google?

Tutti e tre i colossi del Web hanno cambiato le proprie condizioni di servizio in tempi recenti. Il primo è stato Facebook, che da un po’ ha inserito il banner della cookie law per tutelarsi e mettersi in regola con la legge europea.

Il secondo in ordine di arrivo è stato Google. Fino a questo momento, chi aveva un sito in Italia doveva modificare il codice di Analytics, per avere dati in anonimo sulle statistiche. Dopo il primo passaggio a Universal Search, Google ha informato tutti gli utenti di Analytics dal pannello utente.

In alto, compare una piccola barra che informa gli utenti che Google ha modificato da sé il codice secondo la normativa europea e che non è necessario l’intervento dell’utente per essere in regola con la legge europea.

All’inizio, questo era stato fatto su Blogger, dove Google aveva inserito una modalità automatica per la Cookie Law per chi aveva un Blogspot. Adesso, chi usa i CMS non si deve più preoccupare di questa piccola modifica.

Twitter, invece, ha modificato le condizioni del servizio e informato tutti gli utenti via e-mail.

La nostra Informativa sulla Privacy è stata aggiornata e adesso comprende una sezione sul programma Privacy Shield tra UE e USA. Inoltre, abbiamo aggiornato e chiarito in che modo sono cambiati i diversi servizi nel corso del tempo. Per esempio, abbiamo aggiunto ulteriori informazioni riguardo le comunicazioni non pubbliche, l’utilizzo di più account, gli accessi da visitatori e i nostri servizi pubblicitari.

Si legge nella mail, che intende fare chiarezza anche sulle condizioni di servizio generali. La problematica della Cookie Law era partita lo scorso anno, quando il Garante per le Comunicazioni aveva stabilito, pena multe salate e la chiusura del sito, quali erano le regole per la gestione dei dati online.

Chi volesse maggiori informazioni, può utilizzare il gruppo Facebook Cookie Policy Risolviamo, oppure chiedere direttamente al centro assistenza di Google, Facebook e Twitter. In ogni caso, sembra che, a oggi, solo un sito su tre sia in regola con la legge per il trattamento dei dati.

Nel frattempo, gli utenti si dovranno abituare all’invasivo quanto inutile banner, anche da mobile.

Condividi ;)

ABOUT THE AUTHOR

Annarita Faggioni

Founder e direttrice del progetto Il Piacere di Scrivere, copywriter e scrittrice.

One comment on “Facebook, Twitter e Google modificano le condizioni di servizio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calendario

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031