#BCM 16-19 novembre: al via la sesta edizione di Bookcity Milano

bookcity Milano 2017

Non è una fiera dell’editoria. Non è un festival della lettura. Allora cos’è?

Festa metropolitana, diffusa e partecipata del libro e della lettura.

Niente come il sottotitolo scelto quest’anno per Bookcity può spiegare di cosa si tratta.



Una manifestazione la cui forza è la diffusione sul territorio e la spontaneità. Alla sua sesta edizione, dal 16 al 19 novembre 2017, Bookcity Milano si riorganizza per incontrare i desideri di chi ha partecipato gli scorsi anni: meno eventi, più organizzati e più creativi.

Ecco allora che Bookcity diventa una rassegna di quello che succede in Italia per quanto riguarda i libri, un evento che interessa tutta la filiera libraria e in cui i lettori possono scoprire nuovi autori, nuove realtà, parlare di attualità, partecipare ad eventi culturali e molto altro ancora.

Bookcity di tendenza o in controtendenza?

Nel vasto spettro di eventi che si svilupperanno attorno al cuore pulsante della manifestazione, il Castello Sforzesco, si muovono allo stesso modo tendenze e controtendenze dell’editoria italiana.

Se quindi molti sono gli appuntamenti per parlare di editoria digitale e transmedialità, temi caldi della letteratura (non solo italiana) degli ultimi anni, ecco che l’organizzazione di Bookcity mette invece in campo anche iniziative che puntano nella direzione, in qualche modo, opposta: quella di un’editoria di oggetti e di spazi fisici condivisi.

È così che riconosciamo come protagoniste indiscusse della manifestazione, molto più dei grandi nomi, le piccole librerie indipendenti, che come gli altri anni hanno organizzato una miriade di incontri, letture, tavole rotonde ed eventi creativi che vanno ben oltre la semplice presentazioni.

Ma è anche così che Bookcity nelle case. Si supera così perfino al dimensione della piccola libreria e si tornano ad organizzare vere e proprie serate letterarie in casa di persone che hanno aperto le proprie porte ad altri appassionati di libri. Un’occasione unica per recuperare la dimensione umana, domestica e intima della letteratura.

Bookcity e la nuova editoria

Ma se nelle case si riscopre la lettura dei classici, nelle strade c’è ampio spazio anche per chi si interessa di innovazione e novità, in particolare per quanto riguarda l’editoria.

Quest’anno Bookcity ospiterà infatti per la prima volta un evento con la partecipazione di Kobo Writing Life, che insieme a Mondadori e Passione Scrittore si pone come punto di congiunzione tra l’editoria tradizionale e la nuova editoria digitale e in self-publishing.

Kobo Writing Life curerà una tavola rotonda sul tema della trasformazione di un’opera da ebook a libro stampato, mentre Ledra, finalista della prima edizione del concorso “Romanzi in cerca d’autore”, e Sarah Mathilde Callaway, autrice best seller di KWL Italia, parleranno delle loro esperienze di self publishing sia in digitale che in cartaceo.

Anche in questo caso gli appuntamenti con la nuova editoria non finiscono certo con il mostro dell’editoria italiana Mondadori.

Gli Streetlibers, ovvero 12 autori in rappresentanza della moltitudine di scrittori che si sono rivolti a Streetlib per diffondere le proprie opere, sono infatti pronti a portare il proprio contributo con letture recitate da attori professionisti, proiezioni e un esposizione di libri.

Mentre autori ed editor di Bookabook propongono la Letterautore, un’interessante versione nuova e aggiornata del book club in cui gli interessati potranno leggere bozze non editate e proponendo opinioni e suggerimenti agli autori stessi e agli editor che li seguiranno. Un’occasione per andare oltre la letteratura e l’oggetto libro finito e scoprire il lavoro che ci sa dietro.

Percorsi di lettura e appuntamenti più importanti di Bookcity

Per la sua natura eterogenea e diffusa Bookcity è una manifestazione che è impossibile seguire in toto, ma nella quale è necessario selezionare il proprio “filone” di interesse.

Ecco perché quest’anno è stato creato un elenco di hashtag, creati dall’organizzazione o proposti dagli utenti, che sono veri e propri “percorsi di lettura” della manifestazione e che aiutano a trovare gli eventi più interessanti per ogni lettore.

Dall’attualità di #Medioriente e #migranti, alla storia di #Italia1967_2017, ai temi sociali di #nuovegenitorialità e #veganiecarnivori, ai temi più classici dedicati ai puri amanti dei libri come #critica e #libridartista sono davvero molte le chiavi di lettura possibile.

Un occhio particolare di attenzione va alla grande new entry di quest’anno #pariopportunità, tema di cui anche il sindaco Giuseppe Sala si è detto molto orgoglioso proprio nell’ottica di una manifestazione che non promuove solo lettura e letteratura ma anche la riflessione sui temi di ogni giorno.

A prescindere da temi e percorsi, gli appuntamenti da non perdere per Milanesi e non sono sicuramente:

  • Bookcity comincia in libreria: una grande preview diffusa, proprio come la manifestazione, in tantissime librerie milanesi, in cui parlare di temi ed eventi e scoprire il programma dei 4 giorni.
  • Inaugurazione: venerdì 17 ottobre alle ore 20.30 al Teatro da Verme Daria Bignardi e Marc Augé inaugurano Bookcity con un chiacchierata a tema “Sulla felicità. Nonostante tutto”
  • Le voci della città: una maratona di lettura che si svolgerà al Padiglione Visconti dalle 18.00 di sabato 18 alle 12.00 di domenica 19 Novembre e in cui si alterneranno le Lettere Luterane e altri scritti di Pier Paolo Pasolini.
  • Chiusura: domenica 19 novembre alle ore 21.00 al Teatro Franco Parenti la manifestazione si chiuderà con un ricordo di un illustre milanese, Umberto Eco, che nel 2012 inaugurò la prima edizione di Bookcity.

Da non perdere anche la presentazione del prossimo (controverso) Tempo di Libri, giovedì 16 alle 16.00 presso la Fondazione Corriere della Sera, per scoprire di cosa discuterà tutta l’Italia editoriale e dall’8 al 12 marzo del 2018.



Condividi ;)

ABOUT THE AUTHOR

Copywriter per professione, scrittrice per passione, innamorata di fantasy e horror e strenua sostenitrice del self-publishing. Sono testarda e un po’ megalomane. Attualmente la mia principale occupazione è convincere il mondo che il self-publishing è il futuro dell’editoria. Il resto sono hobby.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calendario

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031