Social Net-iquette, fermati prima di sbagliare!

social

social

Sembra un paradosso, ma io che non amo le regole e gli schemi, ho scritto per Annarita una lista di 5 regole da osservare prima che una nostra azione sui social diventi una social-cafonata. Nel mio mondo ideale, compreso quello di Internet, non esistono regole, semplicemente perchè bastano buonsenso e tanto amore per regolare i rapporti umani.

Sappiamo tutti che la musica è un’altra, la vita sui social media, come quella reale, è caratterizzata da utenti che sgomitano, spingono e sbraitano. Sono tanti i comportamenti “social”, anzi anti “social”, che mi danno fastidio, ma quelli che riporto poco sotto sono in cima alla mia classifica.

Fermati, prima di taggare!

Perchè mi avvisi dell’uscita di un nuovo articolo taggandomi su Instagram nella foto che usi nel tuo nuovo post? E’ una strategia che non apprezzo particolarmente. Mi rendo conto che in questo modo sei sicuro di avere avvisato i tuoi followers, anzi i seguaci nel caso di Instagram, ma non ti sembra un pochino invadente? Uso feedly per aggiungere i blog che seguo regolarmente, certo tu non puoi sapere se uso un aggregatore di feed rss, ma è così importante che io legga il tuo articolo? Per me, questo atteggiamento è spam!

Fermati, prima di non ringraziare!

Ho appena retwittato il tuo tweet contenente un tuo articolo, magari con un breve riconoscimento per il tuo ottimo lavoro. E tu cosa fai? Lo aggiungi tra i preferiti, o peggio ancora lo retwitti. Ma scusa, almeno un grazie non me lo merito? Avrei apprezzato persino la più classica delle call to action: “Grazie per la condivisione, cosa ne pensi?” Almeno mi dai un segno di vita. Certo, capisco se sei un vip (a proposito è normale che non segua neanche un vip?) e non hai tempo per rispondere a tutti. Ma io mi riferisco a certi social media cosi che dispensano strategie a destra e a manca… .

social

Fermati, prima di invitare!

Perchè mi devi invitare a un aperitivo in riva al bellissimo mare della Puglia o della Sicilia, a Febbraio oltretutto, quando abito a più di mille km di distanza? Capisco che potrei prendere un comodo treno di Trenitalia e raggiungerti all’aperitivo, facendo contento te e il proprietario del bar per cui lavori, ma almeno potrò avere un rimborso spese per il viaggio? Seriamente, a parte il fatto che non apprezzo questo genere di inviti, ma almeno fai selezione, escludi chi abita troppo lontano. Escludi chi è troppo invidioso, come il sottoscritto, degli aperitivi in riva al mare a febbraio! 😉

Fermati, prima di spammare!

Dei messaggi diretti automatici ho già parlato in questo articolo, ma questo episodio mi è appena accaduto. Come al solito inizio a seguire una persona che a sua volta mi ha appena aggiunto tra i “follow”. Ed eccolo il messaggio diretto, che spunta praticamente due nanosecondi dopo: “Mi lasci Mi piace alla mia pagina Facebook?” La mia risposta è la seguente: “No, non te lo lascio il “mi piace”, magari te lo lasciavo se me lo chiedevi pubblicamente, senza usare un messaggio diretto automatico”.

Non è una strategia di social media marketing, come spesso leggiamo nei vari blog del settore. Il messaggio diretto promozionale, è spam. Il fatto che ti stia seguendo non significa che ti abbia autorizzato a inviarmi messaggi di questo tipo.

social

Fermati, prima di postare!

Non ho parlato di Facebook? Forse perchè mi piacciono i post delle persone che si lamentano, oppure quelli di politica o di religione, sia quelli pro che quelli contro una religione, sperando di convertirti alle loro idee? Oppure mi piacciono i continui inviti a eventi improbabili, il tag selvaggio, i continui aggiornamenti di stato che monopolizzano l’intero newsfeed?

Non mi piace niente di tutto questo, ma su Facebook trovi tutto il condensato di comportamenti anti-social che trovi disseminati negli altri social network: che record invidiabile! 😉

image_pdfimage_print

ABOUT THE AUTHOR

Commenta

Calendario

dicembre: 2016
L M M G V S D
« Nov    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: