La sindrome del trollallelo: cosa fare?

sindrome del trollallleloI troll sono ormai una realtà: dismessi i panni di mostri più o meno guerrafondai, oggi si nascondono dietro uno schermo. Sono tra noi e le loro mete preferite sono i blog e i social network. La sindrome del trollallelo impazza: difendiamoci!

La sindrome del trollallelo: sintomi

Il troll, o la persona che ha la sindrome del trollallelo, ha dei sintomi ben riconoscibili. A dirci le diverse varianti del ceppo virale ci ha pensato Riccardo Esposito qualche tempo fa su My Social Web. Noi guarderemo gli aspetti più comuni.

Il troll è il tuo fan più accanito. Chi è affetto dalla sindrome legge ogni singola virgola del blogger, alla ricerca di qualcosa che potrebbe aver eventualmente copiato/sbagliato/rifiutato. Per questo, non scannerizzerà i tuoi post: li divorerà. Un motivo in più per ringraziarlo nei commenti…

Il troll si erge a paladino degli utenti. L’affetto dalla sindrome del trollallelo si è auto-proclamato il difensore degli utenti del tuo blog (ringrazialo per la seconda volta). Il troll ha un’immagine mistificata del blogger: un errore di battitura e la pubblicazione di un post sono opere di distruzione di massa, volti alla frode e all’inganno. Se ti sei distratto, non meriti di vivere. Ah, naturalmente il troll lo dice da amico, prima che qualcuno possa farti male davvero.

sindrome del trollallelo

Il troll ama le piazze online. I social network sono l’anima del troll, dove infettare nuovi utenti in modo che abbandonino quel luogo nefasto (il blog). Perché dirti in privato che hai sbagliato, se posso rovinarti in tutto il mondo grazie al potere della Rete?

Il troll sperava in un’occasione, che tu hai ricevuto senza motivo. Il troll è convinto di essere un esperto nel tuo settore, ma di aprire un blog e confrontarsi non se ne parla neanche. Voleva un’occasione per emergere e la tua incompetenza (anche se non ti conosce) ha buttato all’aria il suo sogno. Perché al mondo tu sei il blogger e lui il troll?

Cura la sindrome del trollallero

Per curare la sindrome, è necessario ringraziare e rispondere con calma. Qualsiasi troll tacerà di fronte alla tua competenza [Clicca per condividere la frase su Twitter]. Come utente, diffida sempre di chi non dà valore aggiunto al commento che lascia.

image_pdfimage_print

ABOUT THE AUTHOR

Annarita Faggioni

Founder e direttrice del progetto Il Piacere di Scrivere, copywriter e scrittrice.

Commenta

Calendario

dicembre: 2016
L M M G V S D
« Nov    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: