#SenzaFiltri la risposta di Feltrinelli

Feltrinelli-Collana-Zoom-Filtri

Prima di iniziare questo articolo, ringrazio Carolina Nobile e Fabio Di Pietro, che mi hanno risposto sia via e-mail che per telefono. Tutto è cominciato da questo articolo, dove evidenziavo alcune perplessità sull’iniziativa #senzafiltri.

#SenzaFiltri non è un concorso

L’iniziativa #senzafiltri che è partita oggi e si concluderà questa notte alle 23.59 NON E’ UN CONCORSO LETTERARIO, MA UN’INIZIATIVA PROMOZIONALE. Semplicemente, per una volta, la realtà editoriale ha deciso di non rivolgersi ai soliti canali, ma di dare l’opportunità agli autori meritevoli di farsi conoscere.

Non c’è nessuna contrapposizione al self-publishing

“(…) non autopubblicarti, prova con un editore vero” non era una provocazione contro il self-publishing, ma semplicemente un modo per dire che l’esperienza di Feltrinelli sarà un esperienza CON EDITORE, dove l’autore verrà seguito durante tutto il suo percorso.

Gli autori

Anche Feltrinelli spera di trovare gli autori più meritevoli, ma è ben consapevole che in troppi proveranno. Quindi, l’idea è di dare la massima apertura agli autori, ma ci saranno scremature volte a evitare testi di bassa qualità (che comunque e purtroppo esistono).

La regola delle famose “Cinque pagine senza errori”

A domanda specifica, Feltrinelli ha risposto che, dovendo valutare migliaia di testi e, dovendo fare una prima scrematura nelle 24 ore dell’iniziativa, sono stati creati dei primi criteri di selezione. Uno di questi è la regola delle cinque pagine senza errori. Da Feltrinelli sono ben consapevoli che un testo dovrebbe arrivare senza errori e ci tengono a precisare che, se questi errori sono ripetuti nelle pagine successive, il testo verrà comunque scartato.

Data la scarsa attenzione nel presentare il proprio testo da parte dei più, la regola delle cinque pagine servirebbe per capire se l’autore ci tiene davvero al proprio testo e se presta allo stesso l’attenzione dovuta, per evitare di “investire” su una persona non motivata. Quindi, nessuna offesa, con buona pace di tutti i detrattori.

Criteri di selezione

Feltrinelli ha dovuto creare dei primi criteri di selezione per poter smistare il materiale ricevuto. Ben consapevole che sarà inondata di testi, la realtà editoriale è intenzionata a scartare tutti quei testi che già a una prima presentazione si mostrano di bassa qualità (e di italiano discutibile…), o non nei generi indicati nell’iniziativa.

Il secondo criterio saranno le famose “cinque pagine”, che saranno solo una base di partenza, ma sarà valutato (ovviamente) l’intero testo. Per evitare la marea delle richieste, è stata disposta una e-mail valida solo per 24 ore. Sempre per la marea, riceveranno una risposta solo gli autori meritevoli di contratto di pubblicazione.

Diritto d’autore

Non mi è stata specificata una percentuale precisa. Mi è stato solo detto che ci sarà un contratto di edizione identico a quello che già si usa da Feltrinelli, con una percentuale che starà all’autore decidere se accettare o meno.

Collane Zoom

Le nuove collane, che partono già oggi con grandi nomi della letteratura estera (Poe, Lovecraft, ecc.), avranno anche degli italiani inediti. Feltrinelli si riserva di pubblicare gli autori scelti in queste collane, senza un numero preciso (per loro, potrebbero pubblicare tutti i meritevoli, perché non è stato deciso un numero di vincitori). Ogni collana avrà due maestri evergreen e un inedito dello stesso genere in voga. Tutti i testi hanno la protezione in Social DRM.

La parola all’autore/lettore

L’iniziativa partirà oggi, quindi vedremo se la scelta si rivelerà vincente nel tempo. I miei dubbi si sono in ogni caso chiariti (e leggete questa frase come il “Ritornerà con lo scudo” di spartana memoria) sulla strategia che Feltrinelli sta adottando (e non solo Feltrinelli). Ho fatto notare alcune espressioni “poco felici”, però si è preferito andare sul sodo e ne prendo atto, in attesa di nuove iniziative da sottoporre al mio vaglio critico e nella speranza che questa critica venga letta, non tanto perché lo dice X di Y.it, ma perché per un blogger che parla ci sono migliaia di lettori che pensano.

Metterò delle discussioni ad hoc su Google Plus e Facebook su questo fatto e le embedderò qui. E’ sempre giusto dare un contraddittorio, non fosse altro perché Feltrinelli ha avuto la gentilezza di telefonare in giornata e questo è, in ogni caso, un indice di serietà.


image_pdfimage_print

ABOUT THE AUTHOR

Annarita Faggioni

Founder e direttrice del progetto Il Piacere di Scrivere, copywriter e scrittrice.

Commenta

Calendario

dicembre: 2016
L M M G V S D
« Nov    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: