I pregiudizi del Web

pregiudizi del webI pregiudizi del Web sono dietro l’angolo. Chi non è esperto o sta iniziando può pensare che tutto sia semplice e sta a noi che lavoriamo nel mondo di Internet fare formazione e cambiare questo atteggiamento. Ecco quali sono i pregiudizi del Web e come affrontarli.

I pregiudizi del Web: basta esserci

Prima di iniziare, devo ringraziare il gruppetto di Palestra Writers che mi ha passato questo video. Guardatelo tutto.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=vuwD74SwHjM[/youtube]

L’idea che c’è quando si parla di persone che lavorano online e che non facciano niente. Ci sono e gli basta questo per avere un successo incredibile. Su Facebook questo è uno dei pregiudizi del Web più diffuso: dato che ogni giorno si condividono e si mettono “Mi Piace” in continuazione, allora basta un’immagine “virale” per andare avanti.

Vi posso assicurare che non è così. Dietro a ogni condivisione c’è una strategia ben precisa. C’è un mondo e un piano di marketing ben strutturato. Non sempre questi piani portano risultati stratosferici, ma sono reali. Per questo il Social Media Manager viene pagato: per offrire le proprie competenze, come qualsiasi professionista del settore.

Questo non significa che i vostri “Mi Piace” esploderanno senza motivo. E un “mi Piace” non significa automaticamente un libro venduto. Infine, sempre riferendoci a Facebook, visto che lì i pregiudizi del Web non si contano, il social network mette a disposizione diverse opzioni a pagamento: è necessario un esperto che le conosca per sfruttarle al meglio, altrimenti buttate solo soldi nel cestino. Ah, Facebook non incide sulle ricerche.

 

I pregiudizi del Web: è troppo semplice, non ti pago. Due case study.

Due recenti notizie si sono sparse velocemente online sulla scia dei pregiudizi del Web come “Hai fatto qualcosa di semplice, chiedi troppo/non ti pago”. Il primo è di un grafico, che ha reagito “occupando” il sito del cliente e creando una community con l’hashtag #justmymoney come potete vedere. Il secondo è di una Social Media Manager che è stata accusata di pretendere troppi soldi solo per gestire una pagina fan secondo il Comune di Rieti. Non mi pronuncio sui fatti in sé, ma penso che i pregiudizi del Web siano ancora tanti e che per superarli dobbiamo essere noi i primi ad amare il nostro lavoro e a farlo conoscere… Prima del pagamento, magari chiedendo un anticipo (almeno quello…).

image_pdfimage_print

ABOUT THE AUTHOR

Annarita Faggioni

Founder e direttrice del progetto Il Piacere di Scrivere, copywriter e scrittrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calendario

febbraio: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728