Matt Cutts, the “Don’t worry” Man

matt cutts the don't worry man
Per chi non lo conoscesse, Matt Cutts è il capo del servizio anti-spam di Google. Quando quest’uomo decide di fare un video e di raccontarci un po’ di novità, il mondo del web ascolta atterrito: i risultati sono sempre epocali.

Perché Matt Cutts è per me il “Don’t Worry” Man?

Si tratta di una storia un po’ lunga, ma semplice da spiegare. Ho una cara zia che non ha mai visto un computer in vita sua alla quale spiego un po’ cosa faccio nel web. Parlando a grandi linee del discorso Penguin (versione 2013), le parole sono scivolate sul caro Mark e per descriverlo me ne sono uscita con la frase che compare sempre in qualsiasi video: “Don’t worry”. Pensateci.

Ogni volta che Matt Cutts dice in un suo video che i webmaster non si devono preoccupare, il mondo della ricerca online e della scrittura in Rete (o, se volete, il modo di comunicare nel web) cambia totalmente. Basta guardare all’ultimo video: l’idea è che non c’è da preoccuparsi, che i bloggers possono continuare a scrivere come hanno sempre fatto, “Don’t worry”.

Bastano pochi secondi per informarci, invece, che ci sarà la ricerca vocale e che, di conseguenza, i post dovranno sembrare conversazioni… Addio mondo delle keyword? Forse, ma nell’attesa di novità, altro che “Don’t worry”! E’ una rivoluzione epocale (lo sapevamo che sarebbe successo, ma è una svolta nel mondo del copywriting comunque).

Per sincerità dobbiamo dire che spesso le norme di Google espresse da Matt sono legate al buonsenso: se Google penalizza è perché il buonsenso va a farsi friggere. Come salta in mente di mettere migliaia di annunci senza un briciolo di informazione? E’ il motivo che ha portato Google lo scorso anno a creare Penguin (di cui si attendono i risultati della seconda versione in Italia). Ecco come viene presentato il nuovo update, sinceramente meno penalizzante rispetto alla versione precedente.

In più, Matt è semplicemente magnifico in ogni video che fa: ti sta parlando con il cuore in mano, come due amici che si stanno prendendo il caffè. Tutto è semplice, anche se lui e la sua squadra in questo progetto ci hanno messo l’anima per anni. Per qualsiasi info, poi, The “Don’t worry” Man è sempre pronto a rispondere ai commenti sia nel suo blog che su YouTube.

Cosa imparare dal “Don’t worry” Man

Cosa imparare da Matt Cutts? Tutto lo scibile possibile. C’è altro, però: la capacità di ricoprire un ruolo senza doverlo ostentare, un’ottima formazione professionale e, perché no, un tocco di simpatia che non guasta mai. In attesa di un tuo nuovo video, Matt.

image_pdfimage_print

ABOUT THE AUTHOR

Annarita Faggioni

Founder e direttrice del progetto Il Piacere di Scrivere, copywriter e scrittrice.

Commenta

Calendario

dicembre: 2016
L M M G V S D
« Nov    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: