Guest Post, perché usarli nel tuo blog

Guest-Posting

Guest Post?Guest Post: prima di iniziare, ringraziamo Daniele Imperi per la fonte ricca di spunti.

I Guest Post stanno prendendo sempre più piede in centinaia di blog e di portali online “di nicchia”, cioè dedicati ad un argomento specifico. Recentemente, i Guest Post sono tornati alla carica, dopo le dichiarazioni dello staff di Google per quanto riguarda la “qualità”.

Da bravo copywriter e/o blogger, è importante conoscere e saper utilizzare al meglio i Guest Post, perché fidelizzano il tuo lettore e ti danno la possibilità di farti conoscere anche in portali online non a stretto contatto con te. Come funzionano i Guest Post?

Guest PostCome funzionano i Guest Post? Cosa sono?

I Guest Post sono dei post di blog molto speciali. Infatti, si tratta di contenuti di alta qualità scritti da un esperto contattato dal blogger. Perché contattare un esperto per un Guest Post? Perché oggi, dato che online esistono contenuti di tutti i tipi, si punta alla qualità, anche in casa Google. Se hai un blog che parla di editoria, avere il Guest Post di un editore che spiega ai tuoi lettori come funziona questo mondo dall’interno ti dà una marcia in più rispetto al semplice post che potresti fare anche da solo con un paio di fonti.

Naturalmente, anche tu potresti essere contattato per scrivere un Guest Post per altri portali online, ma devi essere esperto in un determinato settore e devi dimostrare le tue competenze prima. Ecco qualche regola per scrivere un Guest Post di successo e/o per inserirlo sul tuo blog.

Se ospiti un Guest Post

Se hai il tuo blog e vuoi ospitare un esperto con un Guest Post, devi scegliere l’argomento che potrebbe interessare di più i tuoi lettori. Fissa anche la lunghezza (in termini di parole) ed offri un vantaggio diretto a chi scrive per te. Quando inserisci il tuo Guest Post, spiega ai tuoi lettori online chi è l’esperto e perché l’hai contattato. Offri al tuo esperto un vantaggio diretto, in termini di credibilità online e di collaborazioni future.

guest postNO ai link ipertestuali sul blog dell’esperto, NO alle immagini fuori tema ed assolutamente NO alle prese di posizione. Il tuo esperto deve sentirsi a suo agio, tu devi dargli solo delle coordinate da seguire: non può scrivere come se scrivessi tu e questo è il motivo per cui il Guest Post arricchisce il tuo blog!

Se ti chiedono di scrivere un Guest Post

Dai un’occhiata al blog che ti ospita: vedi la linea editoriale, quali sono i suoi lettori, cosa potrebbe interessarli. Come “ospite”, devi offrire informazione e mostrare le tue competenze senza essere autoreferenziale.

guest postMostrati aperto ai commenti e alle novità, sii puntuale e preciso nelle tue argomentazioni. Evita i link al tuo blog (i lettori lo troveranno sotto la descrizione del Guest Post) e mantieniti sempre neutrale. Puoi avere un tocco di classe inserendo dei dati statistici sull’argomento (naturalmente, metti il periodo di riferimento, come “nel 2011, l’ISTAT dice che…”). Ricorda che il Guest Post è un post di approfondimento. Se vuoi che lo sia davvero, devi approfondire l’argomento almeno in 400 parole.

Guest Post sinonimo di qualità? Dipende da come si scrive

Il Guest Post attirerà utenti e non ti farà penalizzare da Google se sarà di qualità. Qualità significa:

1) Uno stile semplice, chiaro e corretto dal punto di vista della grammatica;

2) Il giusto peso alle parole chiave e ai link

3) La possibilità per i lettori di condividere o meno ciò che scrivi, per accendere una discussione all’interno del tuo blog e non solo!

Adesso è ora di scrivere il tuo Guest Post!

Condividi questo post su Google Plus

Scarica questo post in PDF
Print Friendly and PDFPrintPrint Friendly and PDFPDF

image_pdfimage_print

ABOUT THE AUTHOR

Annarita Faggioni

Founder e direttrice del progetto Il Piacere di Scrivere, copywriter e scrittrice.

One comment on “Guest Post, perché usarli nel tuo blog”

  1. arteletteratura

    Ciao scrivo per mettervi a conoscenza di un’idea che mi è venuta.
    Mi piacerebbe molto creare una rivista cultural-letteraria associata al ring http://ilcircolodellearti.myblog.it (al quale piacerediscrivere e altri 67 blog sono iscritti, me compreso).
    Una rivista senza un numero prefissato di pagine, che sia pubblicata senza una cadenza periodica fissa. Ad ispirarmi è stata l’esperienza delle riviste letterarie del Novecento (Solaria, Lacerba e tante altre) e il loro spirito e gli ideali dai quali erano mosse.
    Quel che vorrei è tutti noi iscritti al ring scrivessimo dei post (brevi o lunghi che siano) appositamente per essere pubblicati su questa rivista (post che poi, dopo la pubblicazione sulla rivista, ognuno sarà libero di pubblicare anche sul proprio blog personale come è solito fare, senza restrizione alcuna).
    Una volta raccolti gli articoli, io li impaginerò e creerò un file pdf scaricabile dal ring.
    Cosa ne pensate? Non fatevi spaventare dall’idea della rivista, non è nulla di ambizioso, semplicemente è una cosa in piccolo (ben venga se crescerà), qualcosa che faccia da collante tra tutti i blog iscritti, una creatura tota nostra, creata per far circolare idee e pensieri ancor più di quanto non accada grazie al ring stesso.

    Allora, riordinando le idee, le mie intenzioni sono queste:

    non penso a numeri tematici, ma a lasciare di volta in volta i blogger liberi di scrivere su ciò che vogliono, cultura, letteratura, teatro, cinema, impegno civile e politico e così via (al massimo posso chiedere in certe occasioni o in vista di importanti eventi d’interesse culturale di scrivere qualcosa di specifico);

    non solo scritti ma anche immagini e illustrazioni, così come inseriamo immagini nei post che pubblichiamo nei nostri blog; insieme al post il blogger mi invierà in allegato alla mail le immagini che vuole associare al suo scritto (io provvederò, in base alle esigenze di impaginazione, ad inserirle nella rivista);

    riguardo ai 67 interventi per numero, non so ancora se tutti i 67 iscritti al ring desidereranno partecipare alla rivista, comunque è ovvio che non potrò accogliere gli scritti di tutti in un solo numero, ma li userò all’occorrenza in più numeri successivi; inoltre sarebbe mia intenzione fare riferimento piuttosto a un gruppetto di blogger tra i più attivi e impegnati del ring (come piacerediscrivere) a cui affidarmi più di tutti gli altri per la creazione di questa rivista cultural-letteraria;

    la cadenza e il numero di pagine sono un altro nodo cruciale; io penserei ad una cadenza mensile in linea di massima, ma senza costrizioni (in base al materiale che avrò per mano, a giudicare dalla sua qualità e quantità, mi appresterò a creare un nuovo numero della rivista), d’altronde molte riviste letterarie del Novecento non avevano una cadenza periodica fissa ma uscivano irregolarmente;
    per quanto riguarda il numero prefissato di pagine vale quanto detto poco fa tra parentesi, tenendo però ben presente che non voglio avere un mattone di rivista con un numero spropositato di pagine, ma piuttosto mi intriga una rivista a forma di inserto culturale come quelli che si trovano associati a molti quotidiani nazionali, un formato più agevole e più maneggevole, quindi non più di 9-10 pagine per numero; magari in occasione di eventi che lo richiedono accolgo l’idea del numero doppio.

    Queste le mie idee per questo progetto. Cosa ne pensate? Attendo fiducioso i vostri pareri. A presto!

Commenta

Calendario

dicembre: 2016
L M M G V S D
« Nov    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: