Club di lettura per il reinserimento sociale: l’esempio a Washington

club libri

Un bell’esempio di reinserimento sociale attraverso i libri quello riportato dal Washington Post la scorsa settimana: il progetto riguarda giovani che, ancora minorenni, sono stati sottosposti al regime carcerario e che ora trovano nello studio e nella lettura un’occasione per rinascere.

Il progetto negli USA

L’idea è molto semplice: cercare di dare una speranza ai ragazzi che, dopo il giudizio del tribunale in base all’ordinamento americano, stanno pagando i propri errori. Come? Attraverso un piccolo club del libro, dove i ragazzi possono leggere, parlare delle letture fatte e decantare le proprie poesie.

Il progetto si chiama “Free Minds” ed è nato dall’idea di due ex giornalisti che, ormai da 13 anni, si occupano dei ragazzi processati come adulti per la normativa americana. Fino a oggi, il progetto ha coinvolto solo a Washington 940 ragazzi. Dopo un periodo di crescita di circa un anno, sono ben 230 i ragazzi che hanno visto riconosciuto il proprio percorso e sono usciti dal carcere.

Ora, alcuni di loro vanno nelle scuole, per raccontare le proprie esperienze e come la vita sia cambiata grazie ai libri.Non si tratta di una semplice giornata di formazione dove gli ex detenuti raccontano la loro storia a una classe immobile e distratta: si tratta di veri e propri laboratori di scrittura, dove il target preferenziale sono i giovani a partire dai 16 anni, i più a rischio secondo le statistiche statunitensi. Tra un verso e un racconto, gli ex detenuti si ritrovano insegnanti e danno un esempio pratico difficile da dimenticare per gli studenti dei laboratori pomeridiani.

Questo è possibile perché, una volta usciti dal carcere, i ragazzi restano in contatto e creano progetti formativi insieme: c’è chi ha trovato un lavoro, anche temporaneo, e chi cerca di non perdere la nuova identità. Gli errori non svaniscono, ma diventano occasione per rinascere.

Quando ero in prigione, ho sempre sognato di parlare di fronte a scuola spiega uno dei ragazzi reinseriti “Ora ho finalmente fatto. Sto facendo la differenza”.

image_pdfimage_print

ABOUT THE AUTHOR

Annarita Faggioni

Founder e direttrice del progetto Il Piacere di Scrivere, copywriter e scrittrice.

Commenta

Calendario

dicembre: 2016
L M M G V S D
« Nov    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: