Gemma Lanzo Editore lancia Moviement

casa editriceLa Gemma Lanzo Editore, casa editrice di Manduria, presenta in questa intervista il progetto Moviement, punto di contatto tra letteratura e cinema. Ecco in cosa consiste Moviement e come inviare le proprie opere a questa casa editrice.

1) Come nasce la Gemma Lanzo Editore?

La casa editrice nasce dalla volontà di presentare delle nuove iniziative editoriali sul cinema, mio campo di studio e di interesse. È così che è nata “Moviement” collana di cultura cinematografica. Fin dall’inizio insieme al co-curatore Costanzo Antermite abbiamo pensato a Moviement come ad un libro/rivista di monografie sul cinema(il formato ed il design assomigliano a quello della rivista) dalla grafica e dalla scrittura essenziali.

I saggi che vi appaiono sono punti di vista chiari ma elaborati di autori che provengono da esperienze e nazioni diverse. Tra i nostri collaboratori ci sono ad esempio professori delle università italiane, europee ed americane come anche tecnici dediti alla scrittura. Una peculiarità di Moviement è infatti che vede il cinema nelle sue varie componenti, dalla sceneggiatura alla scenografia, al montaggio etc. Essendo poi una grande consumatrice anche di narrativa ho ideato una collana di fiction letteraria dal nome Dagon (il nome è un chiaro riferimento a Lovecraft), pubblicando “L’Avvolgo” di Giuseppe Fanelli.

2) Quali opportunità offre la vostra nuova iniziativa Moviement agli autori esordienti?

Il nostro ultimo volume, l’ottavo, è dedicato al cinema 3D. Finora abbiamo pubblicato monografie sul cinema di autori quali David Lynch, Terrence Malick, Kira Muratova, uno speciale sul cinema Horror Italiano, poi ancora Quentin Tarantino, Jan Svankmajer e i fratelli Coen. Ci piace alternare autori e temi più conosciuti ad altri più di nicchia, ma dal valore fondamentale nella storia del cinema.

casa editrice
3) Qual è il vostro target di lettori?

Per quanto riguarda Moviement ci rivolgiamo ad un’ampia fascia di lettori, dal cinefilo allo studioso per intenderci. Mentre “L’Avvolgo” lo consiglio a tutti coloro che impazziscono per quel tipo di letteratura postmoderna che mescola generi letterali, l’autore scrive per immagini, il romanzo è ricco di riferimenti alla cultura alta e bassa riuscendo a trasportare il lettore in “altre dimensioni”.

4) Premiate generi specifici?

Come detto precedentemente focalizziamo prevalentemente l’attenzione sulle pubblicazioni di carattere cinematografico, e sul quel tipo di letteratura che si contrappone nettamente al genere “storia di vita” che in Italia va per la maggiore. Una collana tra Lovecraft e Murakami per intenderci.

5) Domanda scomoda, ma necessaria: siete EAP o non EAP (siete una casa editrice a pagamento o gratis se vedete la qualità di un testo?)?

Finora non abbiamo mai chiesto alcun contributo; detto questo credo che per le piccole case editrici sia davvero molto difficile pubblicare il testo di un autore esordiente senza chiedere una minima partecipazione alla copertura delle spese.

6) Come si può mandare un manoscritto da voi?

Attualmente siamo molto concentrati su Moviement e non stiamo ricercando manoscritti ma tramite il nostro sito Lanzoeditore.it si potranno trovare tutte le eventuali novità a riguardo.

7) Dove è possibile contattarvi?

Oltre al sopracitato ci potete trovare su Moviementmagazine.com, Twitter @LanzoEditore e Facebook. Grazie mille a tutti e alla prossima!

image_pdfimage_print

ABOUT THE AUTHOR

Annarita Faggioni

Founder e direttrice del progetto Il Piacere di Scrivere, copywriter e scrittrice.

Commenta

Calendario

dicembre: 2016
L M M G V S D
« Nov    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: