#Appunto n°7 : Bologna Children’s Book Fair 2016

book fair bologna

Momoso buon giorno a tutti.

Oggi volevo parlare momosamente di un evento a cui ho avuto occasione di partecipare come visitatrice, ma che spero un giorno di poter partecipare ufficialmente come illustratrice.

“I Sogni son desideri…” diceva momosamente qualcuno, e in cuor mio come momosa sognatrice mi piace immaginare in grande.

Vi racconterò della mia prima e momosa esperienza al Bologna Children’s Book Fair.

Il Bologna Children’s Book Fair è un evento irrinunciabile per chi fa illustrazione, per scrittori in cerca di illustratori, editori alla ricerca di un talento artistico, ma anche per insegnanti, educatori e per chi ama vedere un lato più approfondito del mondo dell’editoria.

Quest’anno è stata la 53° edizione dell’evento, caratterizzato dalla “Mostra Illustratori” di tutto il mondo, di cui ricorreva il 50° anniversario, una mostra del “Paese Ospite” che era la Germania con le sue tavole illustrate dei vari artisti, e tante case editrici del panorama internazionale.

Come prima esperienza ad una fiera simile, non solo come visitatrice ma anche come illustratrice, è come sentirsi un folletto dentro a tanti mondi, che saltella ovunque tra sfumature di colori, immaginari e stili di illustrazioni che raccontano visivamente tante storie.

E’ un modo per conoscere altre personalità illustrative ma anche per conoscere se stessi nelle qualità e limiti,  un opzione valida per capire che chiunque ha non solo la volontà di esprimersi a pastelli, acquerelli e qualsiasi tipologia di materiali, ma anche le possibilità di farsi conoscere al mondo.

E’ stata un’esperienza istruttiva dal punto di vista artistico e per quanto riguarda il vasto mondo della realtà editoriale, quanto il mercato rivolto all’infanzia e adolescenza sia grande e ricco di interesse verso la combinazione di testo e immagini ricche di stile, che si incontrano in un contesto che dona stimoli, conoscenza e scambio continui.

In poche parole, un esperienza non solo che replicherò sicuramente negli anni a venire, ma anche che consiglio a tutti di fare almeno una volta nella vita, non solo ad illustratori o scrittori ma anche a chi sente vicino a sé il mondo dell’immaginazione, della fantasia e dell’educazione alla fantasia.

Perché per Vedere ci vuole un pizzico di Fantasia!


Condividi ;)

ABOUT THE AUTHOR

Monica Donelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *