50 sfumature di una copywriter: tutto quello che non sapevi sulla copy

Il lavoro di una copywriter.

Il lavoro del copywriter

Confessioni, riti creativi, passione. 50 sfumature di una copywriter, nel diario dell’esperienza, ti racconta tutto quello che può fare una copy per te.


Senti caldo? Ti messa comoda sulla sedia o hai allentato la cravatta? Hai fatto bene. Perché questo, carissima e carissimo, è un post scottante! Sono le nude confessioni di una copywriter e, bada, non ti nasconderò nulla, ma proprio nulla, su quello noi purosangue pennino possiamo fare.

È proprio necessario? Sì, perché a noi copywriter piace pensare alla nostra emancipazione. D’altra parte, viviamo pur sempre di parole.

Tutto quello che non hai mai osato chiedere a una copywriter…ma perché?!!

Nell’infinito regno delle professioni legate alla comunicazione, in particolar modo a quelle digitali, spesso i ruoli si mescolano, sovrappongono, intersecano.

Il cliente cerca il risultato, senza badare al “chi fa cosa”. Questo vale nel caso in cui questo si rivolga a un’agenzia. C’è un referente, l’account o il Project Manager che sia, un progetto da realizzare e una squadra pronta in ufficio a portarlo a termine. Spesso il cliente non ha modo di interfacciarsi con tutte le figure, e capire, quindi, come si sono incastrati gli ingranaggi. Diverso è il caso in cui si scelga di rivolgersi a un freelance. Nasce un’esigenza, spesso specifica, e si cerca di trovare la figura che meglio può rispondere alle necessità. Ma siamo certi che il cliente abbia ben chiari i ruoli e le competenze delle diverse figure e del copywriter, in questo caso specifico?

Nessun problema, dirai tu: in primis se il sito o il blog del professionista indica e spiega con chiarezza i servizi, questa domanda si risolve da sé. Se, invece, la conoscenza fosse personale, il cliente può direttamente chiederti il servizio.

Certo, nulla di più semplice. O forse no?

Copywriter…un mondo in una definizione.

Per la prima obiezione, tutti sappiamo che possiamo essere trovati grazie alle parole chiave. Non entrerò in questo merito ora, non è questo il focus del post.

È la seconda questione che più spesso mi genera perplessità.

Ed è qui che nasce l’intoppo. Come fanno a richiedermi un servizio se non hanno ben presente di cosa mi occupo?

D’altra parte, dopo le presentazioni di rito, nessuno di noi gira con la lista delle competenze appiccicata sulla schiena e il cliente, dal canto suo, pare sempre soffrire di due tipi di lapsus. O richiede anche cose che vanno ben oltre le proprie competenze, diciamo “off topic”, oppure è soggetto a piccole o grandi amnesie, tali per cui poi nasce la tipica frase: “Perché non lo hai chiesto a me?”, oppure “Ah, ma tu fai anche questo?”.

Per evitare queste spiacevoli situazioni, non dobbiamo mai dimenticare di ricordarci, e ricordare, chi siamo e cosa facciamo. Perché noi copy, per comodità abbracciamo la bandiera, ma nella pratica, si può aprire un mondo, ognuno con le proprie sfumature.

Perché rivolgersi a un copywriter? Scrittura testi professionale…e molto, molto di più.

Il copywriter è quello che scrive. Ok, nella sua banalità, ti sei mai fermato a pensare a quante cose un copy può scrivere e fare? Perché è proprio questo il punto. Soprattutto al giorno d’oggi, con le opportunità offerte dalla rete, ecco tutte le sfumature che il lavoro di un copywriter può avere:

  • Scrittura testi professionale: dalle headline alla Call To Action.

Fin qui tutto bene. Se cerchi qualcuno che si occupi di scrittura di testi professionali, o di revisione e correzione di bozze, di comunicati e cartelle stampa, con il copywriter hai fatto centro. Dagli articoli, ai testi per le più classiche presentazioni o brochure aziendali o per le pagine del tuo sito web, tra titoli e headline ecco i piatti forte del copy. Fa cantare i tuoi testi sulle note di AIDA (attenzione, interesse, desiderio, azione), alza il volume con la capacità di persuasione e chiude tutto in bellezza, a colpi di Call To Action.

  • Non nominare quel prodotto invano: trovare il naming.

Stai pensando ad un super nome ad effetto per il tuo nuovo prodotto. Perfetto, fermati, chiama un copy. Troverà il nome più adatto, per creatività e strategia.

  • Pay-off, caratterizzare un brand, scrivere lo “slogan” per la vita, o quasi.

Ti piace vero quel “Just Do It”? Ne vuoi uno altrettanto forte, carismatico, efficace? Bene, ora sai a chi ti puoi rivolgere.

  • Web writing, seo copywriting, blogging.

Se parliamo di web, il copy avrà sempre la parola giusta, per il tuo pubblico, per i motori di ricerca, per ottimizzare una landing page come un bottone con una sfavillante Call To Action. Sempre attento alla strategia nella sua globalità, potrà anche darti ottimi consigli per il tuo visual, per rendere il tutto più coerente, favorire la user experience e trasformare così in clienti i visitatori.

  • Web e Social Media Marketing: potere all’organizzazione e alla copy strategy.

Per muoverti al meglio sul web e i social i contenuti sono tutto. Se poi sono organizzati in un ottimo piano editoriale, tutto brillerà di più. Un copy (quasi) 3.0 conosce le regole d’oro del web, dei social, delle digital strategy e del Content Marketing.

  • Concept, vision and much more. That’s all about marketing.

Ti serve un piano di comunicazione e marketing? Un nuovo concept strategico con cui proporti? Vuoi trovare la tua Unique Selling Proposition, la Reason Why e la linea di comunicazione giusta per promuovere il tuo brand? Anche per muoverti al meglio, on e off line, un copywriter può fare a caso tuo.

Ok, l’elenco è fatto di 6 punti, ma a ben guardare tra le righe, le sfumature del lavoro di un copywriter sono molte di più. Questo perché, per formazione, il copy ha sviluppate doti comunicative, che sa giostrare con maestria tra creatività e strategia.

 

Conclusioni

Il copywriter è tuo amico, anche se vuole sempre l’ultima parola.

Ehm, sì, ma non sempre è vero.

Ad ogni modo, se ancora avessi dei dubbi sul cosa può fare un copywriter per te, ho trovato una cosuccia che fa giusto al caso nostro. Si tratta dell’ “Online Copywritng Manifesto 2013 international”.

 

 A buon copywriter, le giuste parole.

Ora tocca a te! Ti sembra manchi qualcosa? Lasciami un commento e, se ti è piaciuto il post, condividilo sui tuoi Social preferiti.

 

image_pdfimage_print

ABOUT THE AUTHOR

Copywriter dalle balze creative, un tocco di ironia per condivisioni voulant. Infilo parole ovunque e non perdo il filo. Attacchiamo bottone?

7 comments on “50 sfumature di una copywriter: tutto quello che non sapevi sulla copy”

  1. Francesca

    Ottimo articolo e speriamo che serva a chiarire meglio il perchè il copy è essenziale, sempre!
    Io infatti nei miei progetti non ne posso fare a meno. Pur scrivendo bene non ho le capacità e le competenze specifiche 🙂
    Io sarei dell’idea di farmi una bella maglietta con tutti i servizi che la mia agenzia può offrire e regalarla al cliente al primo appuntamento… sarebbe un’idea carina non trovi?

    • AnnaritaFaggioni
      AnnaritaFaggioni

      Ultimamente nel nostro ambiente girano un sacco di magliette… Secondo me un video da mostrare al cliente o una slideshow fa di più (in alternativa, c’è la cara, vecchia brochure).

      • Francesca

        Video e presentazione li ho 🙂
        Allora sono ok…
        In aggiunta una buona e dettagliata chiacchierata con il cliente e qualche blog consigliato da leggere per reperire informazioni possono essere la strada giusta!

        • AnnaritaFaggioni
          AnnaritaFaggioni

          Assolutamente sì 🙂

  2. Silvia Segala

    L’idea della maglietta è fantastica Francesca! 😀

    • Francesca

      E’ un po’ come lasciare un pezzetto di te al potenziale cliente…e ti può anche indossare 😉
      Naturalmente deve essere bella e spiritosa: ci penso!

      • AnnaritaFaggioni
        AnnaritaFaggioni

        Vedo magliette… Vedo T-shirt ovunque!!!

Commenta

Calendario

dicembre: 2016
L M M G V S D
« Nov    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: